NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.

Abbiamo 160 visitatori e nessun utente online

icona facebook

Domenica, 29 Luglio 2018

Cadin degli Elmi (2424 m)

Monfalconi - Spalti di Toro

Giro ad anello con partenza da Rifugio Padova e che porta su una cima isolata e panoramica che consente una grandioso colpo d'occhio su molte cime delle Dolomiti Cadorine e Friulane. La Cima Cadin degli Elmi è la più alta fra le Cime Cadin (comprendenti anche Cadin di Toro e Cadin di Vedorcia) ed è anche l'ultima del gruppo dolomitico Monfalconi-Spalti di Toro. La cima, verso Vedorcia, risulta inaccessibile in quanto contraddistinta da verticali e imponenti pareti dolomitiche, dall'altro lato invece risulta facilmente raggiungibile attraverso una semplice via normale con alcuni tratti di primo grado godibili e mai particolarmente esposti. Dal Rifugio Padova si segue il segnavia 352 che risale la Val Talagona e porta verso Forcella Spè. Giunti in prossimità di un ripido canalone ghiaioso che scende da una forcella lo si risale lungo una faticosa traccia; dalla forcella inizia la via normale alla cima contrassegnata da rari e piccoli bolli rossi e da tratti di roccette con passaggi di I grado. La discesa avviene lungo l'itinerario di salita sino alla forcella poi, più agevolmente, lungo il versante rivolto verso la Val Cimoliana raggiungendo dapprima il Bivacco Gervasutti (1940 m) e poi, dopo una risalita e un traverso su ghiaie fini, Forcella Spè (2049 m). Dalla forcella l'itinerario si snoda in versante sud-est, verso il Cadore, dapprima lungo il segnavia 352 poi per il sentiero 350 sino al rifugio privato Tita Barba (1821 m) e gli splendidi tabià che costellano gli alti pascoli di Vedorcia; dalla Casera Vedorcia, si può ammirare in tutta la loro bellezza le Cima Cadin e gli Spalti di Toro oltre che l'Antelao, il Gruppo delle Marmarole e il Monte Cridola. Dalla casera si scende nuovamente lungo il segnavia 350 e poi 352 verso la Val Talagona e il Rifugio Padova.


  • Difficoltà: EEA (Escursionisti Esperti Attrezzati)
  • Tempo di percorrenza: 7 ore
  • Dislivello: 1200 metri

  • Mezzo di trasporto: Mezzi propri
  • Responsabile: Pierluigi Chenet - Romeo Compostella

Condividi



Zona dell'escursione

Commenti

blog comments powered by Disqus