NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.

Abbiamo 154 visitatori e nessun utente online

icona facebook

Domenica, 22 Aprile 2018

Cresta dei Lanari

Canal di Brenta

Sulla sinistra Brenta i percorsi di cresta più noti sono la cresta di S. Giorgio e la Cresta dei Cavallini. Esiste però la possibilità di salire alla strada delle Penise con un altro itinerario che almeno parzialmente ricorda le caratteristiche delle più famose consorelle.
Dalla frazione dei Lanari si segue la mulattiera della Val Grande (Val dei Lanari) ex CAI 39 fino a quota 240 metri. Abbandonata la mulattiera si sale a sinistra sul filo del crestone che divide la Val Grande dalla Val Piccola (Valle delle Strette) che si segue con caratteristiche vegeto-minerali fino a quota 700 metri, con passaggi su roccette, sempre aggirabili.Quando il percorso di cresta diventa troppo impegnativo si scende ripidamente a sinistra sul canalone sottostante che risale fino alla forcelletta terminale.
Su traccia esile, sulla Val Grande, ci si porta sul fondo di un ampio vallone dal fondo ghiaioso che risale faticosamente fino a ritrovare l'ex sentiero 39 in corrispondenza di un caratteristico torrione.
Si segue ora la traccia di sentiero che porta alle "Strette" e quindi, una volta superatele, si esce sul grande catino erboso dei "dodese campi"; da qui al Pertuso per la sosta pranzo.
Per la discesa si raggiunge Campo Solagna lungo la sterrata delle Penise e seguendo i sentieri 950 e 948 il parcheggio di Bresagge; lungo il sentiero dei Borghi a Mignano e con un chilometro circa lungo la vecchia statale si torna ai Lanari.


  • Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti)
  • Tempo di percorrenza: 8 ore
  • Dislivello: 930 metri

  • Mezzo di trasporto: Mezzi propri
  • Responsabile: Antonio Bressan - Romeo Compostella

Condividi



Zona dell'escursione

Commenti

blog comments powered by Disqus