NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.

Abbiamo 136 visitatori e nessun utente online

icona facebook

Domenica, 18 Marzo 2018

Laguna di Venezia

Alla scoperta delle isole dimenticate

Dalla terraferma la barca salpa verso la laguna. Seguendo le file di bricole che segnano i canali navigabili il tuo sguardo insegue isole, canneti, velme e barene, scorge voli leggeri di uccelli, osserva piante mirabilmente adattate all'ambiente salmastro e si perde in paesaggi che cambiano continuamente al mutare della luce. Ogni stagione accoglie il visitatore con piccole meraviglie esclusive: nella tarda estate sulle barene si stende un tappeto viola, fiorito di limonio, dal quale ogni tanto sbuca il lungo collo di una candida garzetta; in autunno e in inverno la nebbia abbraccia, soffice, ogni cosa, attutisce i rumori e si apre infine su piccole isole, come misteri improvvisamente svelati; la brezza primaverile fa ondeggiare la cannuccia di palude e i piccoli nidi delle cannaiole che, poco distante, cantano la loro roca canzone.
Il bragozzo, utilizzato in origine per la pesca fra il XVIII ed il XIX secolo, è la barca ideale per esplorare la laguna e per visitare alcune isole minori o abbandonate della Laguna Nord come per esempio Forte di Sant'Andrea, La Cura, San Francesco del Deserto, Sant'Erasmo.


  • Difficoltà: T (Turistico)

  • Mezzo di trasporto: Mezzi propri
  • Responsabile: Giancarlo Bizzotto - Viller Berton

Condividi



Zona dell'escursione

Commenti

blog comments powered by Disqus