NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.

Abbiamo 202 visitatori e nessun utente online

icona facebook

Domenica, 05 Novembre 2017

Maronata sul San Francesco - Sentiero Pierino Dalla Zuanna (2017)

Altopiano dei Sette Comuni

Per noi della Sottosezione è diventata una consuetudine l'escursione sul San Francesco, che da Valstagna sale a Foza, la montagna che ci ricorda l'amico Pierino Dalla Zuanna a cui è stato dedicato il bel sentiero che la risale.
Una montagna familiare, ma mai monotona, mai scontata. Ogni volta che la frequenti ti accorgi che certi istanti sono irripetibili, unici. Basta una luce particolare, una data temperatura, il periodo della stagione, uno stato d'animo e senti di vivere qualcosa di nuovo.
Sul San Francesco, calcando ancora una volta il sentiero PDZ, ci torneremo anche quest'anno. Come sempre affronteremo i 900 metri di dislivello senza fretta, cercando di godere ogni aspetto di questa montagna aspra, selvaggia, ma così piena di fascino. Ne rimonteremo il lungo crinale che porta al bivio della "variante" dove si biforcano le due vie di salita: quella diretta alla cima che porta ad affrontare l'emozionante tratto attrezzato e quella di sinistra, consigliata ai meno esperti e, solitamente utilizzata per la discesa, che porta al magico ambiente del "parlamento delle streghe" ed alla grande "parete dell'edera". Poi le due vie si ricongiungono alla "Panchina del Generale", il meraviglioso belvedere che fa dimenticare le fatiche della salita. Qui prenderemo fiato per godere il senso di libertà offerto da questo piccolo poggio. Ora manca davvero poco per arrivare alla meta ed all'incontro con quanti ci hanno preceduto per preparare le caldarroste.
Sulla cima, attorno alla grande croce di legno, gruppetti di zaini sul prato, il sorriso di tanti amici che si salutano con calore, il fumo che sale dal bidone-braciere delle castagne e poi lui, ormai figura mitica, il "caldarrostaio" della Sottosezione.
Più tardi si dovrà scendere, ma ora è il momento del riposo, della condivisione, della convivialità, con le caldarroste e il vin brulé.


  • Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti)
  • Tempo di percorrenza: 5 ore
  • Dislivello: 900 metri

  • Mezzo di trasporto: Mezzi propri
  • Responsabile: Consiglio Direttivo

Condividi



Zona dell'escursione

Commenti

blog comments powered by Disqus