NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.

Abbiamo 128 visitatori e nessun utente online

icona facebook

Domenica, 02 Settembre 2012

Monte Antelao (3264 m)

Dolomiti Ampezzane

120 anniversarioDal bollettino del 1963: “Rinnovando qui l’incitamento del fondatore alla gioventù italiana del 1863: -Correte alle montagne o giovani animosi, che vi troverete forza, bellezza, sapere e virtù-”

E’ proprio dal 1963 che la nostra Sezione non saliva al Monte Antelao, che con i suoi 3264 metri è la seconda cima più alta delle Dolomiti dopo la Marmolada.

La forma grossolanamente piramidale, il frequente pennacchio di nebbia che sembra uscire dalla sommità (l’Antelao che fuma la pipa), lo fecero in antichità ritenere un vulcano.

Con la sua caratteristica forma a cono, che lo rende inconfondibile da ogni dove, il Monte Antelao è una di quelle cime che non può di certo mancare nella lista di ogni appassionato di montagna.

Collocato in una posizione centrale rispetto agli altri giganti dolomitici, è un ottimo punto panoramico, permettendo di spaziare con lo sguardo su tutto l’arco alpino.

Dal Rif. Scotter per sentiero si raggiunge la Forcella Piccola, da cui, risalendo per un sentiero erboso si arriva ad un ampio vallone che da accesso alle ampie cengie della parete Est a tratti strette ed esposte, fino alla sovrastante selletta. Iniziano qui le famose laste dell’Antelao con pendenza media intorno ai 25°-30° che danno accesso alle laste superiori con pendenza maggiore (fino a 35-40°) che, se ricoperte di ghiaccio, possono divenire molto insidiose. Giunti al Bivacco Cosi (3111 m) si guadagna la cresta sul versante ovest e con passaggi di I° a tratti esposti, si raggiungono i massi sommitali della cima. La salita alla cima è sicuramente di grande soddisfazione, ma necessita di passo sicuro sui lastroni superiori e sulla cresta finale. Il ritorno avviene per il medesimo percorso della salita.


  • Difficoltà: EE (Escursionisti Esperti)
  • Tempo di percorrenza: 10 ore
  • Dislivello: 1700 metri

  • Abbigliamento: Da alta montagna
  • Mezzo di trasporto: Mezzi propri
  • Responsabile: G. Garbuio - Mauro Remonato - Pierluigi Chenet

Condividi



Commenti

blog comments powered by Disqus