NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.

Abbiamo 180 visitatori e un utente online

icona facebook

Web Cam dai Rifugi

La tecnologia raggiunge i rifugi del Veneto


Defibrillatori e banga larga satellitare al sevizio dei frequentatori
Sono stati consegnati nei giorni scorsi i 9 apparecchi defibrillatori automatici esterni ad altrettanti rifugi del Veneto i cui gestori e loro collaboratori hanno partecipato all'apposito corso per apprenderne l'uso, organizzato dall'ULSS n. 1 di Belluno.
L'iniziativa rientra nel "Progetto rifugio sicuro" voluto dalla Regionale del Veneto che ne ha sostenuto l'intero costo. "La prevenzione della morte improvvisa funziona quanto più sono diffusi i defibrillatori " ha dichiarato nell'apposita conferenza stampa il primario del Suem di Pieve di Cadore dr. Giovanni Cipolotti e poi ha continuato "con la preparazione dei rifugisti che hanno seguito il corso l'aritmia acuta può essere presa in tempo attraverso una terapia elettrica efficace".
Questi sono i rifugi cui sono stati consegnati gli apparecchi: Auronzo, Calvi, Carestiato, Città di Fiume, Dal Piaz, Nuvolau, Papa, Tissi, Vandelli.
Ma questa non è la sola novità che ha interessato i rifugi del Veneto in questa stagione. Grazie ad un progetto pilota regionale in 7 di essi sono stati installati i dispositivi per il collegamento alla banda larga satellitare. Le possibilità e i vantaggi forniti da questa nuova tecnologia sono noti e vanno dal collegamento telefonico sicuro in qualsiasi condizione a quello internet, con la possibilità di prenotare con una e-mail e di fruire del servizio Pos per i pagamenti, ma anche al servizio di telemedicina, che consente il collegamento diretto con la centrale Suem di Pieve di Cadore: un altro tassello di "Montagna amica e sicura"; e inoltre il controllo a distanza del rifugio da parte dei gestori nei periodi di chiusura. Collegandosi poi alle pagine dedicati ai rifugi del Veneto presenti nel portale del CAI VENETO, entreranno nelle nostre case i fantastici panorami ripresi dalle telecamere posizionate all'esterno dei rifugi, aggiornati automaticamente ogni 5 minuti.
La banda larga satellitare è stata inserita dalla Regione del Veneto nel "Progetto d'eccellenza" delle Dolomiti Patrimonio dell'Umanità, che in futuro consentirà di allargare la dotazione di tale tcnologia agli altri rifugi.


Qui sotto i 7 rifugi già dotati di web-cam grazie al "Progetto Banda Larga nei Rifugi":

Fonte della notizia: CAI VENETO

Icon 1892 - 2012
120° ANNIVERSARIO
Icon SEZIONE CAI DI
BASSANO DEL GRAPPA
Icon SCUOLA DI ALPINISMO
"FRANCO GESSI"
Icon GRUPPO SPELEO
GEO CAI BASSANO